Una tecnica di coltura con cui gli embrioni vengono mantenuti in laboratorio per un massimo di sei giorni, il che favorisce la loro capacità di ottenere una gravidanza. Questo trattamento viene applicato in pazienti con diversi fallimenti di impianto.